All’estero i laureati guadagnano il 61% in più

All’estero i laureati guadagnano il 61% in più
Nel 2018 oltre 110mila italiani hanno lasciato il nostro paese (ISTAT). Foto: Pexels

Mancanza di opportunità lavorative e stipendi troppo bassi. Sono queste le due principali motivazioni che, secondo l’ultimo rapporto di AlmaLaurea, spingono sempre più giovani neolaureati italiane a emigrare. La tendenza riguarda indistintamente tutti i corsi di laurea.

Più opportunità e stipendi alti

Stando ai dati raccolti dal consorzio interuniversitario, circa la metà dei laureati italiani si trasferirebbe all’estero per lavoro. Tra le mete più gettonate: Regno Unito, Svizzera, Germania, Francia e Spagna. Un terzo, invece, cambierebbe anche continente.

Le motivazioni sono molteplici. Tra chi ha già compiuto il passo oltre confine, 4 persone su 10 dichiarano di aver deciso di trasferirsi per mancanza di opportunità adeguate in Italia; una su 4, invece, è stata convinta da una proposta di lavoro stimolante avanzata da un’azienda straniera.

Un altro – consistente – incentivo lo si evince dalle impietose statiche riguardanti gli stipendi netti: a cinque anni dalla fine del ciclo di studi, chi lavora all’estero percepisce in media uno stipendio di quasi 800 euro in più rispetto a chi lavora in Italia: 2.266€ contro 1.407. Non a caso 1 intervistato su 3 ammette di non voler fare ritorno in patria perché ciò comporterebbe una riduzione della retribuzione.

Le conseguenze

Probabilmente i numeri non riescono a raccontare l’ingente danno che questa tendenza arreca al nostro paese. L’Italia rischia di perdere una fetta consistente degli studenti più promettenti, in particolare nelle materie STEM – acronimo di Science Technology Engineering & Mathematics – in cui evidenzia da tempo importanti carenze.

Alcuni dati forniti nel 2019 da Indeed – uno dei principali motori di ricerca a livello mondiale – tracciano una fotografia chiara: il 30% degli annunci di ricerca di personale IT non hanno risposta per almeno 2 mesi, la percentuale lievita al 35% nel campo dell’analisi dei dati e della matematica. Insomma, il mercato del lavoro italiano è alla disperata ricerca di professionisti in ambito scientifico-tecnologico.
Probabilmente, questo evidenzia anche un problema più profondo, di natura culturale: se molti giovani laureati in questi ambiti, pur a fronte di un elevato numero di richieste lavorative, scelgono di emigrare, significa che le aziende italiane non riescono ad essere abbastanza attrattive o ad investire adeguatamente sui giovani talenti.

I miglioramenti non bastano

E dire che, negli ultimi anni, i laureati italiani hanno visto crescere gli indici riferiti a tasso di occupazione e retribuzioni. Nel 2018, il primo è arrivato al 72,1% tra i laureati di primo livello e al 69,4% tra quelli di secondo livello a un anno dalla laurea. Il secondo – sempre riferito ad un orizzonte temporale annuale – si è invece attestato su un valore medio mensile netto di 1.169€ per i laureati di primo livello e 1.232€ per quelli di secondo livello. Questo incremento, però, non è riuscito a tamponare l’emorragia di trasferimenti, soprattutto dal Sud.

La diaspora dal Sud

Secondo AlmaLaurea, 1 diplomato al Sud su 4 decide di studiare in università del Centro-Nord. Ottenuta la laurea, poi, generalmente non si torna, ma si preferisce la permanenza al Nord o un nuovo trasferimento all’estero. Una tendenza che rischia di svuotare in pochi anni il Mezzogiorno.

Vorresti entrare in una Top University? I tutor di Edusogno hanno frequentato le più prestigiose università del mondo e sono a tua disposizione per guidarti nel processo di ammissione.

Condividi
Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai alcuni degli articoli più interessanti relativi al mondo universitario e lavorativo
Inserendo il tuo indirizzo email accetti la nostra Privacy Policy.

Edusogno
Ultimi articoli

Dalla Calabria ad Harvard: la storia di Salvatore

Salvatore è un brillante ragazzo calabrese che a settembre inizierà il Bachelor all’Università di Harvard. Qualche settimana fa Michele -…
I test attitudinali sono richiesti in quasi tutte le facoltà universitarie

GMAT, GRE, SAT, TOLC guida completa ai test universitari

Oramai quasi tutti gli atenei all’estero e in italia richiedono qualche forma di test attitudinale per poter presentare domanda di ammiss…
Luca Parmitano, Astronauta Italiano

Come si diventa astronauta?

Ancora oggi, volare nello spazio è uno dei sogni più gettonati tra i bambini. Riuscire a realizzarlo, però, è un’impresa titanica, preclu…
Il campus dell'Università di Princeton

5 cose che non sapevi su Princeton

La Princeton University è una delle istituzioni più importanti del mondo accademico americano. L’ateneo ha sede in New Jersey, sulla cost…