Top Universities americane: niente test anche quest’anno!

Top Universities americane: niente test anche quest’anno!
Il campus della Columbia University.

La notizia è ufficiale: numerosi college statunitensi di prima fascia – tra cui 5 atenei della Ivy League – hanno reso noto che, anche per il prossimo anno accademico, non richiederanno agli studenti di sostenere, ed allegare alla propria candidatura, i test SAT ed ACT: esami standardizzati normalmente obbligatori per accedere agli atenei d’oltre Oceano.

L’esenzione per i test viene rinnovata

Già la scorsa primavera, alcune università degli Stati Uniti avevano deciso di adottare questa misura straordinaria: complici le diffuse restrizioni imposte dalla pandemia, molti studenti faticavano, infatti, a trovare aperti i cosiddetti testing centers, ovvero luoghi adibiti a sostenere queste tipologie di prove omogenee sul suolo nazionale. Entro l’autunno, la maggior parte degli atenei statunitensi – inclusi gli 8 appartenenti alla Ivy League – aveva condiviso e messo in pratica questa politica.

Quest’anno, a quasi 10 mesi dalla deadline più imminente per la presentazione delle applications per il prossimo anno scolastico – e in anticipo di molti mesi rispetto a quanto accaduto nel 2020 –, molte università hanno già reso noto di voler confermare la decisione anche per la classe di laurea 2026.

A rompere il ghiaccio è stata Cornell – ateneo della Ivy League di Ithaca, New York – che ha recentemente annunciato che non avrebbe richiesto ai suoi futuri candidati di allegare alle proprie domande i risultati ottenuti ai test standardizzati. A stretto giro di posta, altre quattro sorelle del gotha accademico made in USA – Columbia, Dartmouth, Harvard e UPenn – hanno adottato la stessa posizione.

Nessuno svantaggio per chi non presenta i test

La Columbia University ha definito ufficialmente la propria scelta come una contromisura resa necessaria dalle “continue interruzioni alla disponibilità di test standardizzati a causa della pandemia da Covid-19”. Il prestigioso ateneo newyorchese ha precisato che “gli studenti che non allegheranno il test non saranno svantaggiati”, analogamente “quelli che lo faranno non saranno avvantaggiati in alcun modo”. Per Columbia, “i test standardizzati rappresentano solo una componente di una valutazione stratificata e complessiva”.

Altri college hanno poi seguito la stessa linea. Ad esempio, Dartmouth – piccola università della Ivy League con sede ad Hanover, New Hampshire – ha sottolineato “la necessità di continuare ad adattare le proprie richieste, priorità ed attenzioni alla realtà” – difficile – in cui siamo al momento immersi. Gli studenti verranno valutati in base “a ciò che è presente nella documentazione, piuttosto che per ciò che manca in essa”, ha rassicurato l’antico ateneo, fondato nel 1769 dal pastore protestante Eleazar Wheelock.

Concorde anche la prestigiosa Harvard, secondo la quale il risultato dei test sia “solo un fattore tra i tanti” nel “processo di ammissione della persona”.

Ma quest’idea ha trovato diffusa condivisone anche al di fuori della Ivy League: annunci dello stesso tenore sono stati rilanciati anche da numerosi altri college di elevata caratura, ad esempio CalTech (California Institute of Technology).

In generale, i college che hanno deciso di rendere i test standard opzionali anche per il prossimo ciclo di applications hanno rimarcato il proprio approccio “olistico” nella valutazione delle candidature, che devono essere valutate in tutte le proprie sfaccettature.

In conclusione, se, come sembra, il prossimo ciclo di ammissioni prendesse la stessa piega del precedente, questa politica di “allentamento” rispetto ai requisiti richiesti per presentare le candidature verrà probabilmente adottata dalla maggior parte – se non da tutte – le principali università a stelle-e-strisce.  Dunque, considerato il numero record di domande raggiunto l’anno scorso, è facile prevedere un’altra annata estremamente competitiva.


Condividi
Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai alcuni degli articoli più interessanti relativi al mondo universitario e lavorativo
Inserendo il tuo indirizzo email accetti la nostra Privacy Policy.

Edusogno
Ultimi articoli

Dalla Calabria ad Harvard: la storia di Salvatore

Salvatore è un brillante ragazzo calabrese che a settembre inizierà il Bachelor all’Università di Harvard. Qualche settimana fa Michele -…
I test attitudinali sono richiesti in quasi tutte le facoltà universitarie

GMAT, GRE, SAT, TOLC guida completa ai test universitari

Oramai quasi tutti gli atenei all’estero e in italia richiedono qualche forma di test attitudinale per poter presentare domanda di ammiss…
Luca Parmitano, Astronauta Italiano

Come si diventa astronauta?

Ancora oggi, volare nello spazio è uno dei sogni più gettonati tra i bambini. Riuscire a realizzarlo, però, è un’impresa titanica, preclu…
Il campus dell'Università di Princeton

5 cose che non sapevi su Princeton

La Princeton University è una delle istituzioni più importanti del mondo accademico americano. L’ateneo ha sede in New Jersey, sulla cost…